Il fratello minore è più divertente. Lo dice La Scienza.

Il fratello minore è il più divertente, lo dice la scienza

Secondo un’indagine condotta nel Regno Unito, i membri più giovani di una famiglia hanno maggior senso dell’umorismo, mentre i maggiori sono più responsabili.
La simpatia non è una questione di genetica, ma secondo un nuovo sondaggio i fratelli minori sono quelli con più senso dell’umorismo in famiglia.

YouGov ha chiesto a 1783 inglesi adulti di definire i tratti predominanti del loro carattere in relazione agli altri membri della famiglia. I risultati rivelano che i più giovani si considerano nel 46% dei casi più divertenti di genitori e fratelli maggiori, mentre solo il 36% di questi ultimi riconosce nell’ironia la propria dote principale. A dare validità al sondaggio ci sono anche un’altra serie di indizi: molti comici come Billy Crystal, Eddie Murphy, Goldie Hawn, Drew Carey, Jim Carrey, Whoopi Goldberg, Steve Martin, Jon Stewart ed Ellen DeGeneres, sono tutti i più giovani nelle loro famiglie.Tra i pregi che si riconoscono i “piccoli di casa” ci sono anche la capacità di godersi la vita ed essere più alla mano. Molti riconoscono anche di essere i preferiti dei loro genitori.

Se è vero che i più giovani sono generalmente i più amati, i fratelli maggiori vengono riconosciuti invece come molto sicuri di sé, di successo e responsabili. In molti casi, infatti, i genitori si sono dovuti rivolgere a loro quando non erano a casa per lavoro: sin da piccoli si sono presi cura dei loro fratelli minori, verso i quali hanno sviluppato un gran senso di responsabilità. Inoltre, poiché con l’arrivo di un fratellino o di una sorellina le attenzioni nei loro riguardi sono notevolmente diminuite, i più grandi hanno anche dovuto imparare prima degli altri a risolvere le proprie faccende da soli.

Non si può negare, quindi, che le dinamiche familiari abbiano una grande influenza sulle nostre personalità, ma non sono chiaramente l’unico fattore da tenere in considerazione. A forgiare il carattere di una persona adulta sono anche le esperienze che vivrà una volta abbandonato il contesto familiare, i percorsi di studi e le altre persone che incontrerà lungo il suo cammino. Questo vuol dire che, se da un lato i più piccoli dovranno necessariamente responsabilizzarsi, i più grandi potrebbero anche riuscire a vivere la vita più tranquillamente dopo aver raggiunto il loro obiettivo. E magari impareranno anche a fare qualche battuta.

fonte

Le persone disordinate sono dei geni produttivi. Lo dice la scienza

Le persone dovrebbero apprendere ad abbracciare il caos, perché nulla rimane pulito e in ordine per sempre. Tutto torna inesorabilmente al disordine originale. “Le persone disordinate l’hanno capito e non permettono a oggetti o convenzioni di dettare legge nelle loro vite”.

By Caithlin Pena

Da bambini ci hanno insegnato che una stanza disordinata equivale a una mente disordinata. Non avevamo scelta: o mettevamo a posto o eravamo in castigo.

Lo confesso, sono un po’ maniaca della pulizia ma solo perché sono allergica alla polvere. Inoltre, mi piace mettere a posto perché ho la sfortuna di dimenticare dove lascio le cose. Allo stesso tempo, però, non ho molta pazienza a pulire e rassettare quando non ce n’è il bisogno, il che bastava a cacciarmi nei guai per colpa della mia “stanza in disordine”.

John Haltiwanger di Elite Daily sostiene che le persone disordinate sono ingiustamente accusate di essere pigre. Uno spazio di lavoro caotico, secondo lui, non equivale a una mente caotica.

“Viviamo in un mondo prevedibile governato da formule … La società cerca costantemente di mantenere l’ordine, in tutte le sue sfaccettature”, sostiene, “ma non è che una mera illusione”.

Per questo, se siete persone disordinate e vi imbattete in disapprovazione e sguardi critici, ecco tre motivi per i quali va bene essere disordinati.

1. Non temete lo status quo

Haltiwanger sostiene che essere precisi e ordinati può essere necessario se non addirittura bello. In ogni caso, le persone dovrebbero apprendere ad abbracciare il caos, perché nulla rimane pulito e in ordine per sempre. Tutto torna inesorabilmente al disordine originale.

“Le persone disordinate l’hanno capito e non permettono a oggetti o convenzioni di dettare legge nelle loro vite”.

2. Trovate l’ispirazione nel vostro casino

Sapevate che tante persone di successo sono disordinate? Roald Dahl, J.K. Rowling e perfino il grande genio Albert Einstein.

In A perfect mess: the hidden benefits of Disorder (“Il caos perfetto: i benefici segreti del disordine”, ndt), gli autori Eric Abrahmson e David H. Freedman sostengono che “su una scrivania disordinata, i lavori più importanti e urgenti tendono a essere più vicini e a portata di mano, al contrario dei lavori secondari che normalmente sono sepolti sul fondo o sul lato opposto. Tutto ciò ha un senso”.

Allo stesso modo, una ricerca condotta da Kathleen Vohs, della Carlson School of Management dell’Università del Minnesota, ha rivelato che un ambiente disordinato stimola la creatività.

“Gli ambienti disordinati incoraggiano la ricerca delle novità lontano dai soliti paradigmi, il che può portare a nuove intuizioni,” sostiene, “al contrario, gli ambienti ordinati favoriscono un modo di pensare convenzionale e stimolano l’aderenza agli schemi esistenti.”

3. Siete coraggiosi e spontanei.

“Seguono la corrente invece di nuotarci contro”, ha affermato Haltiwanger.

Anziché preoccuparsi di dettagli insignificanti, le persone disordinate tendono ad avere una visione d’insieme. Preferiscono investire il tempo a disposizione nel portare avanti compiti importanti piuttosto che preoccuparsi di cose minori. Secondo Haltiwanger, questo li rende più avventurosi e disposti a sperimentare, al contrario delle persone ordinate.

Non c’è niente di sbagliato nell’essere ordinati, così come non c’è niente di sbagliato nell’essere disordinati. Permettente al vostro caos di ispirarvi e preoccupatevi di mettere a posto in un secondo momento. Ricordate, però, che è fondamentale mantenere l’equilibrio tra l’ordine e il caos.

“Una vita disordinata è una vita semplice e bella, ed è per questo che può far nascere tante menti brillanti ed innovative”, conclude Haltiwanger.

Questo post è originariamente apparso su The Huffington Post America ed è stato tradotto da Valentina Mecca

fonte

Gatti e cani possono vedere gli spiriti!

Cani e gatti posso percepire frequenza sconosciute agli umani. Un studio condotto alcuni anni fa da biologi della City University di Londra, ha fornito prove per questo differenziale in vista tra le specie.

Cani e gatti possono vedere la luce UV e altri raggi che le retine umane non hanno capacità di vedere.

In precedenza si credeva che tutti i mammiferi avessero occhi simili agli umani, incapaci di vedere raggi UV, ma prove scientifiche suggeriscono che molti mammiferi possono farlo.

Tuttavia, qualcosa in più in questo fenomeno scava nel regno metafisico.

Capita spesso di vedere gatti osservare i muri e miagolare, mettersi sulla difensiva, raspare,saltare a vuoto, inseguire.

Ammettiamolo la cosa è spesso inquietante e accade ovviamente anche non in presenza di raggi UV.

Tu hai esperienze con gatti “sensitivi”?

fonte 

 

Chi ha scoperto come funziona un’eclissi? Te lo dice La Scienza.

L’eclissi di Luna che si verificherà questa sera sarà un evento particolarmente spettacolare, per durata e per oscuramento del satellite.

La storia della scoperta del modo in cui realmente funziona l’oscuramento del disco solare da parte della Luna (eclissi di Sole) o quello della Luna da parte della Terra (eclissi di Luna) si incrocia con la storia della filosofia classica, ma è piuttosto incerta.Le eclissi vennero registrate in modo regolare dai Babilonesi e, a partire dall’VIII secolo avanti Cristo vennero, probabilmente, anche previste.

Siccome le eclissi sono fenomeni che hanno una regolarità ciclica, sapere quando si verificheranno non significa per forza capire perché si verifichino. Anche in Cina le eclissi vennero registrate fin da tempi molto antichi e una leggenda racconta di due astronomi fatti giustiziare per non aver saputo prevedere un eclissi di Sole addirittura duemila anni prima di Cristo.La scoperta di come avvenga un’eclissi è spesso attribuita al filosofo e matematico greco Talete, vissuto forse tra il 640 e il 548 a.C..

Lo storico Erodoto, vissuto quasi due secoli dopo, attribuì a Talete la previsione di un’eclissi di Sole che si verificò durante una battaglia tra Medi e Lidi. E questo racconto ha indotto molti a pensare che Talete sapesse perché le eclissi si verifichino.

Gli storici della scienza, come il francese André Pichot (nel libro “La nascita della scienza”) ha chiarito che si tratta di una falsa attribuzione e sostiene che la scoperta fu fatta da Anassagora un secolo dopo.Il fisico Roberto Casati ha spiegato nel suo libro “La scoperta dell’ombra” che anche la semplice previsione dell’eclissi da parte di Talete è molto probabilmente frutto di fantasia: siccome le eclissi solari non sono mai visibili da tutta la Terra ma solo in alcune zone, Talete non avrebbe potuto prevedere un’eclissi di Sole in Asia Minore.John Gribbin, nell’Enciclopedia di Astronomia e Cosmologia della Garzanti, scrive anche lui che Anassagora di Clazomene fu il primo a fornire la spiegazione corretta delle fasi della Luna oltre che delle eclissi solari e lunari, anche se per le eclissi lunari pare che immaginasse che a frapporsi tra Sole e Luna fossero corpi normalmente invisibili.

Il fisico e premio Nobel Steven Weinberg precisa però, nel suo libro “Spiegare il mondo”, che l’attribuzione ad Anassagora è stata fatta in base alle citazioni contenute in opere di altri autori, vissuti molti secoli dopo. E quindi potrebbe essere dubbia. Tra l’altro, Anassagora pensava che la Terra fosse piatta.Forse aveva intuito qualcosa un altro filosofo, Anassimene, vissuto pure nel VI secolo prima di Cristo, che però pensava che la Terra fosse un cilindro. Anche di Anassimene non ci sono arrivati che pochi frammenti delle sue opere.Di certo aveva capito il meccanismo Aristotele, vissuto duecento anni dopo Anassagora, tra il 384 e il 322 a.C., che usa l’eclissi per dimostrare che la Terra sia tonda: l’ombra dell’eclissi di Luna, prodotta proprio dalla Terra che si frappone tra il Sole e il nostro satellite, è sempre un arco di circonferenza e dunque a crearla non può essere che un corpo sferico.E di certo sapeva tutto anche Aristarco di Samo, vissuto tra il 310 e il 230 a.C., che fu il primo a sostenere che la Terra giri attorno a Sole e che tentò persino di sfruttare le eclissi per calcolare le dimensioni relative di Terra, Sole e Luna.

fonte

La barba contiene più germi del pelo di un cane: lo dice la scienza

La ricerca è stata condotta su 18 uomini con la barba e 30 cani di razze diverse.

Non importa che sia lunga o corta, la barba contiene più germi del pelo del cane. A confermarlo è stata un ricerca scientifica.Tutto è partito da uno studio condotto per appurare se uno stesso apparecchio per la risonanza magnetica può essere condiviso da umani e amici a 4 zampe senza rischi per la salute dell’uomo. Accade infatti che, in casi di sottoutilizzo dell’apparecchiatura, questa possa essere messa a disposizione dei veterinari.

La ricerca è stata condotta mettendo a confronto 30 cani di diverse razze (di  3,8 anni) e 18 uomini con la barba (di 36 anni). I ricercatori hanno prelevato un campione di pelo e di barba. Il test ha confermato che la barba conteneva più germi del pelo del cane ed era, quindi, meno igienica. Tutti i campioni di barba contenevano un’alta carica batterica, il 39% degli uominiaveva anche agenti patogeni (trovati solo in 4 cani!).

Anche i tamponi bocca-bocca hanno rivelato che 17 uomini su 18 presentavano un alto numero di germi, presenti solo in 12 cani su 30.Anche se quelli potenzialmente pericolosi erano solo in un uomo, mentre erano presenti in 2/3 dei cani.I risultati di questa ricerca sono destinati a sollevare molte polemiche e c’è già chi parla di pogonofobia (paura della barba).

fonte: https://www.105.net/news/tutto-news/260147/la-barba-contiene-piu-germi-del-pelo-di-un-cane-lo-dice-la-scienza.html

La sigaretta fa male! Lo dice la scienza….

La strategia della negazione

I primi studi sui danni da tabacco furono realizzati all’inizio degli anni Cinquanta: fu il giovane epidemiologo inglese Richard Doll (successivamente diventato, insieme al collega Richard Peto una delle icone della moderna epidemiologia) a pubblicare per primo uno studio in cui mostrava come “il rischio di malattia aumenti con la quantità di tabacco fumato”.

Tra il 1950 e il 1953 furono pubblicati numerosi altri studi simili. Fino al più importante, uscito nel 1954. Firmato da Cuyler Hammond e Daniel Horn, due scienziati dell’American Cancer Society, fu realizzato su 187.776 uomini tra i 50 e i 69 anni. I risultati furono sconvolgenti: i fumatori presentano un rischio di morte superiore a quello dei non fumatori del 52%.

Ma non uscirono solo numeri e ricerche. Gli scienziati provarono a rispondere colpo su colpo al negazionismo dei sostenitori del tabacco. Come fece Evarts Graham, che gli storici ricordano come il primo chirurgo a realizzare un intervento di pneumonectomia. Nel 1954 Graham propose dalle pagine della rivista medica Lancet di condurre un esperimento che risolvesse, una volta per tutte, la presunta “controversia scientifica”: cavie umane, da tenere venticinque anni al chiuso, al riparo da altre forme di inquinamento, con la sola compagnia della sigaretta. Era una provocazione, ovviamente, ma illustrava bene un problema: il tumore si sviluppa in anni e anni e, durante questo lasso di tempo siamo esposti ad altre forme di inquinamento dell’aria. Impossibile quindi che uno studio trovi una “prova diretta” del legame che gli scienziati stavano cercando. Ma questo non significa che con gli strumenti della statistica questo stesso legame non possa essere comunque evidenziato in tutta la sua (oggi ovvia) drammaticità. Era una spiegazione chiara, ma non bastò e rimase confinata nelle pagine di una rivista scientifica. Ironia della sorte, Graham stesso morì nel 1957 proprio per un tumore al polmone: era stato anche lui un forte fumatore, prima di farsi venire il dubbio, in una sala operatoria e operando un paziente colpito dal tumore al polmone.

 

Il potere dell’immagine

Del resto sono gli anni Cinquanta e tutti fumano. E fumano ovunque. Attori e medici, soprattutto, ritratti belli e sorridenti nei manifesti pubblicitari delle marche di sigarette, a giurare che il fumo fa bene alla pelle e fa bene alla salute. Uno di questi è il dottor Clarence Cook Little, che passa dalla American Cancer Society alla direzione del Tobacco Industry Research Committee (nel 1964 cambierà nome nel più efficace Council on Tobacco Research). Con tutta la sua autorevolezza di camice bianco, Little dichiara più volte alla stampa che certi risultati vanno presi con cautela, altri studi saranno necessari e le cose sono complesse. Fumosità di questo tipo. Che però funzionano.

“Se nel 1954 la lobby del tabacco non avesse trovato Clarence Little forse avrebbe dovuto inventarlo: corrispondeva esattamente alle loro necessità. Energico, loquace e supponente” si legge nel libro L’imperatore del male. Una biografia del cancro che spiega la sua filosofia citando una relazione interna, scritta nel 1969 per rispondere alla minaccia incombente di bando alla pubblicità di sigarette: “Il dubbio è ciò che dobbiamo vendere, perché è il miglior modo di competere con il dato di fatto” (solo nel gennaio di quest’anno, al termine di una lunga battaglia giudiziaria, l’industria del tabacco ha finalmente ammesso di aver mentito sui rischi di cui era ben consapevole).

È questo il contenuto principale della Legacy Tobacco Documents Library: ricerche su ricerche, che vengono eseguite con criteri inoppugnabili e poi artatamente nascoste alla collettività. Tra queste c’è la prima dimostrazione di come le foglie di tabacco concentrino il polonio ambientale, che è una sostanza radioattiva. È stata realizzata negli anni Cinquanta: almeno dieci anni prima di quelle ufficiali condotte da scienziati indipendenti. Si diffondono invece ricerche volte a dimostrare il contrario, scritte da scienziati conniventi e ben pagati: ricerche che furono poi utilizzate in tribunale nelle cause per danni da fumo a difesa dei produttori di sigarette.

Non solo. Si fonda una specie di finta rivista scientifica dedicata al tema: sono i Reports on Tobacco and Health Research. I suoi titoli hanno la funzione di far credere che gli scienziati siano spaccati in due fazioni (“Uno pneumologo riporta ventotto ragioni per dubitare del legame tra sigarette e tumore”) o l’intenzione di confondere le acque (“Nascere in marzo potrebbe predisporre al tumore al polmone”).

Ma Big Tobacco investe miliardi di dollari anche nelle strategie pubblicitarie rivolte direttamente al pubblico. La prima è la campagna del gennaio 1954: 448 organi di stampa, tra cui il New York Times, pubblicano un’inserzione a pagamento in cui si ribadisce che non c’è unanimità sul ruolo del fumo nello sviluppo di tumore al polmone, che le statistiche sono confuse e al momento non si sa.

 

La scienza fa breccia

Invece la comunità scientifica sa. E finalmente riesce a penetrare la politica. Il primo atto ufficiale da parte delle istituzioni americane è in particolare del Chirurgo generale degli Stati Uniti Luther Terry, arriva nel 1964. È il rapporto Smoking and Health ed è considerato il più importante contrattacco da parte della salute pubblica. Finalmente è messo nero su bianco: il fumo di sigaretta causa il tumore al polmone.

Negli anni Ottanta arrivano altri rapporti ufficiali, firmati da un altro grande personaggio di questa storia: Charles Everett Koop, all’epoca anche lui Chirurgo generale degli Stati Uniti. Si dice chiaramente che la nicotina crea dipendenza esattamente come l’eroina e la cocaina. Si illustrano i legami tra il fumo e i tumori di polmone, laringe, esofago, stomaco, vescica, pancreas e reni. Il 30% delle morti da tumore è attribuibile al fumo, si legge. Per non parlare dei danni all’apparato cardiovascolare e a quello respiratorio.

Koop sottolinea anche la sproporzione tra gli investimenti pubblicitari delle industrie del tabacco e quelli per le campagne antifumo: per ogni dollaro investito nelle seconde, le prime ne spendono 4.000. Così si decide di fare qualcosa di molto economico: scrivere sui pacchetti di sigaretta le etichette informative che leggiamo anche oggi. È così che inizia a calare la percentuale di fumatori negli Stati Uniti: dal 38 al 27%. Ed è anche la fine della strategia negazionista.

Restano altre strategie per conquistare il mercato e continuare a vendere. Per esempio, le strategie d’immagine: prendi una star del cinema e pagala per fumare mentre interprita Rocky e Rambo o mentre accavalla le gambe in maniera sensuale e avrai conquistato un nuovo fumatore, specie fra i più giovani. E restano i cento milioni di morti attribuibili al fumo nel corso del secolo scorso.

 

Anche la nicotina è colpevole

La nicotina è cancerogena. Direttamente. È il risultato di un’analisi pubblicata nel giugno di quest’anno su Nature Reviews Cancer che per la prima volta mette un punto fermo sulla questione. Il fumo di sigaretta contiene 60 molecole cancerogene ben conosciute: da oggi aggiungiamo anche la nicotina a cui finora si attribuiva “solo” la responsabilità della dipendenza dal tabacco.

La lista dei tumori associati al consumo di nicotina è lunga: comprende i tumori al polmone e quelli di testa e collo, i tumori dello stomaco e del pancreas, i tumori del fegato e delle vie biliari, i tumori al seno, alla cervice uterina, alla vescica e al rene. L’articolo spiega anche il come e il perché: l’arrivo della nicotina sul suo recettore provoca l’attivazione di una serie di catene metaboliche a loro volta cancerogene. Questo spiegherebbe anche la differenza di suscettibilità che osserviamo tra una persona e l’altra: ciascuno di noi, infatti, ha piccole differenze genetiche che spiegano differenze strutturali e funzionali di quel recettore che non hanno nessuna conseguenza di rilievo nella nostra vita normale, ma hanno conseguenze pesantissime nella risposta al fumo di sigaretta.

Che cosa cambia sapere che le sostanze cancerogene sono 61 e non più 60? Niente, per chi fuma (e dovrebbe conoscere i danni che provoca) e nemmeno per chi non fuma. Cambia invece moltissimo per chi sta smettendo di fumare: i prodotti a base di nicotina che servono da ausilio in questa difficile fase non sono così innocui come credevamo un tempo e dovrebbero essere utilizzati solo per il tempo strettamente necessario, così come le sigarette elettroniche che contengono solo nicotina e non solo aromatizzanti.

 

fonte: https://www.airc.it/news/quando-la-scienza-capi-che-la-sigaretta-fa-male

Finalmente si possono abbandonare le pagine indesiderate!

Un recentissimo studio afferma che da oggi si può facilmente abbandonare una pagina Facebook non gradita.

Dopo anni di ricerca, infatti, si pone fine al disagio di molti utenti nel rimanere intrappolati all’interno di pagine di cui non capiscono la filosofia o che semplicemente non ne condividono i contenuti .

Ad annunciarlo oggi Zuckenberg nei laboratori di Silicon Valley in conferenza stampa.

Migliaia sono gli utenti che hanno approfittato di questa nuova feature liberandosi definitivamente dal gravoso peso di dover necessariamente subire i post delle suddette pagine.

La procedura è semplicissima, studiata appositamente per i casi più disperati, bisogna cliccare sull’icona con il pollice in su (“Ti piace”) ed il gioco è fatto!

Tra le anticipazioni è trapelato il futuro inserimento del tasto “Fatti una risata” ma trattandosi di un argomento delicato e di difficile comprensione il progetto resterà ancora in via del tutto sperimentale a disposizione di un campione di persone.

Fonte